Tibet chiuso alle spedizioni: tutti al Manaslu

separator
Con i confini tibetani nuovamente chiusi è affollamento al Manaslu

Le notizie che arrivano dall'Himalaya, riportano a situazioni già vissute negli ultimi autunni. I cinesi hanno deciso la chiusura dei confini tibetani, impedendo di fatto alle numerose spedizioni alpinistiche  (commerciali e no) dirette al Cho Oyu di raggiungerlo. Diversi team hanno così deciso di "ripiegare" sul Manaslu, l'unico ottomila nepalese affrontabile, pur con tutte le riserve e prudenze del caso, anche da alpinisti di capacità non eccelse - anche perchè solo una piccola percentuale di alpinisti arriva sulla cima vera del Manaslu, preferendo la maggioranza fermarsi sulla più comoda anticima. La verà "novità" pare invece essere il clima, che sta offrendo temperature molto elevate con lo zero termico addirittura a 6.000 metri !  Questo in parte aiuta gli alpinisti che si trovano la via con pochissima neve e quindi non sono costretti a battere faticosamente la traccia; il contrappasso è però un caldo terribile che provoca una grande disidratazione e senz'altro alcune parti della via che rimangono così più esposte alla caduta di sassi.
In ogni caso, come testimonia Gnaro Mondinelli, la via è ormai quasi tutta attrezzata e il meteo continua ad essere buono; se dovesse continuare probabilmente avremo altri record come tempi e numero di alpinisti in vetta.